it | en

2016 - Rifugiati, Migrazioni e Conflitti

Con più di 60 milioni di rifugiati nel mondo costretti a fuggire dalle proprie case a causa di guerre, conflitti, persecuzioni, povertà e cause ambientali, siamo davanti al più alto numero di migrazioni forzate dalla seconda guerra mondiale. Più della metà dei rifugiati sono bambini. Data la situazione di emergenza umanitaria, dedichiamo il festival Human Rights Nights 2016 al tema RIFUGIATI, MIGRAZIONI E CONFLITTI, per riaffermare il dovere al rispetto dei diritti umani, al di là
dello status di ‘migrante legale’, nazionalità o origine. I recenti interventi di controllo alle frontiere e le politiche di respingimento, costringono a vie di fuga sempre più pericolose e a rischio di vita.

E’ un dato di fatto che la nostra società sia ormai plurale e demograficamente sempre più ricca di una ‘diversità’, che è ormai una ‘normalità’. Questo è chiaramente visibile in tutti i luoghi della nostra città e nella ricchezza culturale ed energia che ne deriva, espressione delle creatività contemporanee, dal cinema alla musica e l’arte. Il programma di quest’anno di Human Rights
Nights si ispira a questa seppur complessa ma meravigliosa pluralità.

Oltre 40 film sui diritti umani, anteprime, conferenze, dibattiti e workshops con registi, attivisti e ONG, studiosi e giornalisti saranno presentati al Cinema Lumiére, Cinema Rialto, MAST.Auditorium, ‘9mq’, Università di Bologna. Il festival inaugura con il bellissimo film Human di Yann Arthus-Bertrand e prosegue con le ultime produzioni sui diritti umani, con una speciale attenzione dedicata al tema delle migrazioni e rifugiati nel mondo. Tra le anteprime, Mediterranea di Jonas Carpignano, La sposa bambina di Kadhija Al-Salami e in Jackson Heights di Frederick Wiseman.

Saranno momenti di riflessione e approfondimento le conferenze: Migrazione, Confini e Legalità, sullo stato dei rifugiati in Europa e nel mondo, il trattato di Dublino e l’accordo EU-Turchia; Gli Sguardi Dentro, sul Cinema Migrante in italia, Diversity & Media sulle politiche culturali per la diversità e l’accesso ai media e Rifugiati, Accoglienza e Integrazione, sul sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati a Bologna.


Nell’ambito del Festival verrà poi presentato il progetto Diversity Digital Filmmaking, vincitore del bando MigrArti-Cinema, promosso da MiBACT e UNAR. Ideato da una rete sociale e culturale, il progetto prevede un ricco programma di film, workshops e incontri per promuovere la produzione di cinema da parte delle nuove generazioni in italia.


La musica come strumento di resistenza è presentata al Festival da film come They have to kill us first: Malian music in exile, e dal ricco programma di concerti e musica tra cui MaMaAfr!Ka con Cico GiramundoSwing Party con Bologna Swing Dance Society e la Roaring Emily Jazz Band, pizzica, taranta e danze popolari del Sud Italia con TarantArte Afro-Funk Party con sonorità
funk, afrobeat e jazz.

Human Rights Nights Arte presenta al Festival l’opera d’arte contemporanea I’m ready to live di Giorgio Bevignani e i progetti fotografici Open Borders * Sguardi Migranti di Cosimo Calabrese, Giorgio Christakism, Pierfrancesco Lafratta, Fabio Viola; Spirit of Ethiopia di Laura Frasca, Gianluca Afflitti, Maurizio Benedettini sulle diverse manifestazioni della spiritualità in Etiopia.


Il Mercatino Verde del Mondo ritorna con Human Rights Nights in Piazza Verdi dal 12 al 29 maggio con assaggi delle cucine gourmet del mondo, concerti, performance, danze, giochi per i bimbi. Delizie culinarie dal Senegal alle Filippine, dall’India al Messico... ma anche tortellini, lasagne e arancini. Il cibo non solo da gustare ma anche come espressione di culturaidentità ed empowerment.